I Santi Martiri Celanesi, Parenti, Fratelli, Compaesani con i quali “trattare”……

martiri

Nella Prosapia Burgundiorum veniamo  rimandati immediatamente alla famiglia di Arazzo e di Bernardo venuti in Italia con Ugo di provenza nella prima meta del X secolo. Azzo era comes di Burgundie e Berardo suo nipote primo comes Marsorum.  I due rami della famiglia dopo qualche tempo si insediarono in due aree diverse, uno,  Odorisio II  in Tagliacozzo cercando di creare una diocesi autonoma nel carsolano e l’altro Berardo II tra Alba, Celano e Trasacco. Questo tentativo di scissione terminò con l’intervento di Papa Vittore II e poi con il successore Stefano IX che scrisse una lettera a Pandolfo figlio di Berardo II ripristinando  l’unità della diocesi dei Marsi a Celano “diocesim unam uni episcopo decretam”.

Celano perché ? Perché checchè  se ne dica, e molti storici non lo affermano,  il Vescovo  Pandolfo risiedeva in Celano ed è lui ad edificare la chiesa di San Giovanni ad Caput Aquae. Proprio a Pandolfo la tradizione attribuisce la traslazione delle ossa dei Santi Marteri nel 1059, come si legge su una lastra marmorea “Hic requiescunt/ corpora sanctorum martyrum Simplic/cii, Costantii et Victoriani  (CRUX) recondita tempore/ domini Pandulphi/ episcopi”.

L’intento di Pandolfo fu quello di costituire il più grande centro di aggregazione della Marsica. Sicuramente la Chiesa della Madonna delle Grazie fu costruita sopra un antico romitorio nei pressi della fons aurea con annesso cimitero, dove verosimilmente furono ritrovate le ossa custodite ora attibuite ai Santi Marteri Celanesi.

downloadj

Stare ad indagare se le ossa fossero appartenute effettivamente a tre martiri non è lo scopo del mio scrivere, la tradizione è quella che comprova una fede per così dire smisurata e stilisticamente cucita addosso ad ogni Celanese.  Dietro quelle reliquie si sono mosse nei secoli emozioni, sensazioni, devozioni che spesso non hanno nulla a che fare con il cristianesimo, ma che il cristianesimo stesso a volte ha enfatizzato  fino all’esasperazione.

Un dossier, oltre ad un manoscritto di Passio, il più antico esistente conservato a Celano ed ora “SCOMPARSO”, descriveva  i quesiti posti ad un gruppo di testimoni per accertare la veridicità dei miracoli.

La chiesa della Madonna delle Grazie sarà ricordata anche nella bolla papale di Pasquale II. Presso di essa fu custodito per secoli l’Exultet di Celano.

Un mio articolo sulle ‘ Eultet lo potete leggere cliccando qui:

EXULTET DI CELANO. Il clamoroso “FURTO” passato del tutto inosservato e mai reclamato

In essa si ammalò San Berardo ed i canonici “sperarono” nella sua morte sul posto per avere un ulteriore santo da venerare “ut corporis eius honore fruerentur Celanenses saltem in morte”. I chierici Celanesi accampavano sempre  diritti e pretese autonomistiche rispetto alla Curia in generale. Addirittura  fino alla prima metà del  Cinquecento vanta l’autonomia Vescovile nella Marsica con un Prevosto insignito di Mitra e Bacolo.

celano11

In San Giovanni Battista costruita dopo la distruzione da parte di federico II vengono traslate le ossa dei Santi Martiri con l’erezione di un nuovo altare nel 10 Giugno 1406, in cui cadeva quell’anno la festa del Corpus Domini. Tale evento venne ricordato con un carme epigrafico in 32 esametri. Nel Carme e proprio Simplicio che parla ed illustra la situazione topografica della sepoltura le vicende del martirio e le circostanze della traslazione.

“HIC EGO SIMPLICIUS IACEO SUBRUPE GEMELLIS
HIC PROPE ME GENITIS QUORUM COSTANTIUS HAERET
ANTE PATREM LATERE DEXTRO IAEUOQUE SECUNDUS
VICTORIANUS ET HIC FRATERNO STAMUS IN ISTO
MAUSOLEO TERRAE FULGENT SPIRAMINA CAELO
VIUIDA SIDEREO MULTOQUE REDEMPTA CRUORE
MERTYRII FERRO FLAMMIS URAIISQUE FLAGELLIS

affresco-dei-santi-martiri-di-celano

e così la passio :

FRUSTE IN ACCIAIO MERTYRII FIAMME URAIISQUE
PRINCIPIUM UITAE PEPERIT BURGUNTIA FINEM
TRUX ITALUS GLAUDIO DEDIT ANTONINUS IN URBE
IMPERITANS  PERIMES CHRISTOS  CHRISTIQUE  SEQUELAS
SANGUINIS  EFFUSI  TESTIS  FONS  AUREUS  ET MONS
  TINUS  APUT  CASTRUM  CELANI  NOSTRA  BIPENNI
COLLA  RECISA  GEMENS  NOMENQUE UOCANTIA  CHRISTI

Supero la storia del loro martirio secondo la tradizione  allegando questo link : http://www.comune.celano.aq.it/articoli/230/s-s-martiri.html

Concludo dicendo che l’amore per i loro Santi ha superato quello che per i Celanesi era il terreno più ostico, cioè  il radicatissimo spirito di indipendenza dal potere ecclesiastico.  Essi furono premiati nel 1630 con l’iscrizione dei Santi Martiri nel Martiroloquio Romano. Da questa data il culto dei Santi Martiri è stato racchiuso dentro i confini Territoriali di Celano, e i  Celanesi non sono stati mai sfiorati da problemi di autenticità e di veridicità dei LORO Santi, e ne sono gelosissimi con rituali che superano ogni possibilità di immaginazione.

I Santi  Martiri al di là della questione religiosa, sono sentiti da noi stessi come Parenti, Fratelli, Compaesani con i quali “trattare”, con una confidenza ed una familiarità da spingerci fino agli insulti più rabbiosi. Questo è un “privilegio” esclusivo del popolo Celanese non condivisibile con i forestieri. Guai a chi li bestemmia, mentre per noi l’imprecazione che porta il loro nome è ritenuta come una “licenza” poetica.

Giancarlo Sociali