Il CELANESE dalla lingua OSCA a lingua originale dei MARSI.

450_01

Prima di tutto c’è da dire che non esistendo una tradizione scritta che abbia fissato pronuncia e ortografia in modo univoco la scrittura del dialetto e la sua  pronuncia, sono un po’ come cercare il modo  più appropriato e similare al proprio costume dialettale. Infatti diverse parole differiscono, di poco o di molto, da un paese all’altro, a volte da una famiglia all’altra, e non esistendo una tradizione scritta, penso che non esistano regole per privilegiare una forma rispetto ad un’altra.

Senza voler entrare troppo a fondo in una materia complessa, che autorevoli studiosi hanno affrontato, senza però giungere ad una, d’altra parte auspicabile, soluzione uniforme, tuttavia mi sembra utile per chi legge illustrare alcune regole che ho seguito e alle quali non mancano le eccezioni e le incongruenze, risolvibili “ad sensum”, supponendo che chi legge non sia digiuno delle nostre parlate.

Non userò  l’Alfabetico Fonetico Internazionale (IPA) in quanto troppo complesso per chi vuole sapere con immediatezza, e senza studiare codici, come si pronuncia una parola.

Alcuni casi di elisione sono tra la preposizione e il termine successivo, come n’gopp o ‘ngim che vuol dire sopra; ‘ndrétt che significa entrò.

Per spiegare la pronuncia della vocale i, associata a un tempo maggiore di permanenza sulla stessa, si userà ij, come nel caso di ijam(e), che significa andiamo come voce del presente indicativo. E la cui unica m finale vuol significare come sia di pronuncia morbida e non doppia come jamm(e) che si riferisce a un invito o un ordine di fare presto. Andiamo nel senso di sbrigati.
La e, quasi sempre, è pronunciata stretta come in perchè. Tranne in alcuni casi come nei verbi al passato remoto: esempio v(e)nètt(e), ossia venne in italiano, oppure dicètt(e), corrispondente all’italiano disse.

Nel Dialetto Celanese, i verbi sono organizzati come in italiano Ecco allora che bisogna subito parlare di vocali e consonanti. Le prime mancano quasi sempre alla fine delle parole dialettali .Tutto finisce con una consonante, oppure con una e muta, ossia appena accennata e gutturale. Per esempio nel sostantivo vajjul(e), corrispondente all’italiano ragazzi. E così scriveremo le parole tutte le volte che finiscano con una vocale accennata nel suo suono, ma non del tutto pronunciata.

Nel Celanese , La vocale finale è quasi sempre omessa. (carta= cart); spesso per facilitare la comprensione di alcune parole la vocale finale viene scritta, ma è errato farlo, a meno che non si voglia distinguere quella parola da un’altra identica ma che significa un’altra cosa.
L’accento cade quasi sempre sulla vocale dell’ultima sillaba che ne contiene una (portone: purtòn; autobus=autobùs).
Il suono nt diventa nd (cento lire= cend lir). Lo stesso dicasi per mp= mb. I suoni citati costituiscono l’inflessione più pesante e frequente del dialetto sull’italiano.

Nel dialetto,  la finale accentata è rara ma comunque presente. Soprattutto nei verbi all’infinito, dove viene eliminata la sillaba finale re. Magnà in italiano mangiare; v(e)dé in italiano vedere; scì –  in italiano uscire.

Sarebbe buona cosa scrivere la “e” ed altre vocali come anche la “o” sempre accentate per capire la pronuncia della frase. Nell’italiano di fine secolo è innegabile che fondamentale sia l’avvicinamento tra scritto e parlato. E’ sempre frequente la diffusione degli Anglicismi (indicativo che il nome tradizionale di j, ‘i lunga’, sia spesso sostituito dai più giovani con ‘gei’ per influsso inglese).

Nel caso specifico di Celano, a differenza di tutti i popoli della Marsica, alcuni tratti del dialetto, conservano parti dell’Osco considerato tra il più conservatore di tutte le lingue italiche conosciute, l’osco rivaleggia solo con il greco nel mantenere intatto il sistema ereditato di vocale + i dittonghi.

Molti, tra i quali anche “illustri” studiosi, vogliono per forza far passare la scrittura del dialetto celanese con le vocali “Atone” finali. Probabilmente sfugge che anche se atona, la vocale una volta scritta va pronunciata, e quindi avremo sempre una pronuncia errata della Nostra Lingua.

Lettera quasi mai usata dagli estimatori ed esperti dialettali dei nostri luoghi e la “K” che erroneamente hanno sconvolto la nostra trascrizione del dialetto con ch. Se solo avessero studiato l’OSCO dalla quale la nostra lingua discende, avrebbero visto che l’OSCO usa la “K” per definire alcune frasi e non solamente il “CH”.
Molti studiosi hanno stabilito che l’isoglossa fondamentale che distinguere i dialetti italiani meridionali da quelli mediani attraversa l’Abruzzo, partendo da Campotosto, toccando le frazioni dell’estrema periferia della città dell’Aquila, per poi scendere più a sud ed attraversare Avezzano fino a giungere intorno a Canistro al confine con l’area ciociara.

sanniti-territorioi
A Celano, la somiglianza con il Napoletano è forte a causa degli scambi economici documentati tra le città durante il Regno di Napoli (es. giovani a Celano (vajiule), ma la pronuncia è “Vajiul” senza la “e“( che si pronuncia in altri paesi della Marsica),a Napoli “guaglioni”.
Il tratto qualificante di questo gruppo dialettale (gruppo Italo Meridionale) dove dovremmo appartenere noi??? (penso proprio di NO) è la conservazione delle vocali finali atone. In particolare nel dominio reatino-aquilano, area tradizionalmente conservativa, viene tuttora mantenuta la distinzione fra –o ed –u finali, a seconda dell’originaria matrice latina: ad esempio all’Aquila si ha cavaju per “cavallo” (latino volgare *CABALLU(M)), ma scrio per “io scrivo” (lat. volg. *SCRĪBŌ). A CELANO NO! Ma “Cavaji senza la “O”, e Scriv  invece di “scrio”.
Ad occidente del suddetto dominio si estendono le parlate dei Piani Palentini, con centri di irradiazione quali Carsoli e Tagliacozzo, la cui punta più a sud, a contatto con l’area abruzzese della Marsica a ridosso dell’area laziale, queste parlate sono caratterizzate dalla confluenza delle vocali originali latine –u ed –o nell’unico esito -o (cavajofijo), ma come il sabino possiedono il medesimo sistema vocalico, fonetico e morfologico. Questi dialetti appartengono al continuum linguistico mediano assieme ai confinanti dialetti dell’Umbria e del Lazio. A CELANO NO!

Nella bocca abbiamo la distinzione: vocali e consonanti. Secondo la distinzione tradizionale le vocali sono dette così perché potrebbero pronunciarsi da sole, mentre le consonanti consuonano, cioè possono pronunciarsi solo se appoggiate a una vocale. Ma questa distinzione non è corretta, o almeno valida per il latino e il greco, non per il CELANESE, perché noi possiamo pronunciare una consonante da sola, come P o S.. La distinzione in realtà è dovuta al fatto che le vocali sono suoni, mentre le consonanti sono tipici rumori.

Questo perché l’Abruzzo interno è stato investito da due correnti, una a metafonesi sabina, l’altra sannita: la prima, proveniente dall’area umbro-laziale, si estese nei contadi amiternino forconese e parte della  marsica, la seconda, originaria della zona campano-molisana, interessò il contado valvense, che prima della fondazione dell’Aquila, arrivava fino a Barisciano (ex contea di celano appartenente alla Baronia di Castelvecchio Calvisio), per poi interessare solo parzialmente l’area montana vicino Sulmona (in quanto alle porte orientali del capoluogo peligno comincia una piccola area con metafonesi nuovamente sabina, con Marane, frazione di Sulmona, Campo di Giove e Pacentro.
Una parola, prelevata dal libro Il Sannio e i Sanniti di E. T. Salmon, merita di essere esaminata e si tratta dell’osco mbratur (imperatore).
Nel dialetto di Celano esiste tuttora la medesima simile parola usata quando si parla appunto di un imperatore (mbrator). Ma non solo. La tipologia di vocaboli con parte iniziale priva di vocale, nel caso mbpriva della vocale i, è molto diffusa nel Celanese Antico e non solamente. Così esistono le parole mbett, per indicare nel petto, oppure mbazzit, impazzito, mbanat, impanato. Con la labiale p che diventa b, più dura al pari di altre trasformazioni. Come quella della sin zeta. Ciò avveniva anche nell’osco: kenzur che in latino equivale a censor (censore). Oppure nel “Consolo” nelle manifestazioni funerarie da noi “Kunzl” in Latino : consolo, consolas, consolare.
Ma anche la parte finale della parola mpratur richiama tutti i modi di finire le parole che, in italiano, sono con le sillabe finali –tore o –tori. Così p’tator (potatore), murator (muratori), met(e)tur (mietitori), termini che si usano oggi nel Molise ed in quasi tutti i territori Sanniti ma anche a Celano.
I verbi al passato remoto dell’osco terminavano spesso con la doppia t. Ugualmente nei dialetti delle zone montane molisane e non soltanto. Come nel verbo magnett (mangiò), vnett (venne), vdett (vide). Addirittura molto simile è il verbo osco dedícatted, (dedicò), al modo di dire la stessa parola, e con identico significato, nel dialetto Celanese Antico: dedikett.
Un verbo appare in una iscrizione presente sulla mensa dell’altare dedicato ad Apollo di Teanum Sidicinum (la odierna Teano, in Campania). Si riporta la scritta in OSCO, come sempre resa secondo il modo di leggere da destra a sinistra, e quindi la traduzione in italiano:
…tríbuf : plífríks : appelluneí : brateís : datas : dunat
…tribuno della plebe ad Apollo, per grazia ricevuta, dona
ita
Si nota l’esatto modo di dire, alla terza persona del passato remoto nell’attuale dialetto di Celano, di donare: dunàt = donò. Fust, in osco significa egli sarà, è tuttora usato nel dialetto di Celano con significato variato come tempo del verbo. Difatti vuol dire tu fosti.
Infine bisogna anche ricordare il carattere delle genti che attualmente abitano le zone di montagna in cui esistono i resti delle mura dei Marsi-Sanniti. Questo popolo, tuttora, ha un comportamento simile a quello degli antichi progenitori che amavano il teatro e la rappresentazione scenica. Ne sono prova le commedie popolari e le farse, di origine osca, che a Roma furono per lungo tempo recitate fin dagli inizi del IV secolo Avanti Cristo. L’eredità fatta di ironia e sarcasmo, oltre che di battute di spirito, è facile verificarla ancora a Celano.
Tàta’ padre; Zzurre caprone; Trabbiccul carro sgangherato; Pàttile da cui Pttilell sottile sfoglia di pasta;  Mandile tovaglia

alfabeto-osco-sannita
L’osco appartiene al ceppo linguistico indoeuropeo, propriamente alla stessa famiglia del latino, del greco e del messapico e fu la lingua ufficiale della Marsica e del Sannio fino alla terza guerra sannitica.
Giunse da noi con la terza invasione della popolazione europea-asiatica avvenuta attraverso il Canale d’Otranto tra il 1500 e il 1200 a.C. e presenta un volto e una struttura non molto diversi dal latino, essendo i Marsi-Sanniti veri e propri cugini di quelli che furono poi i fondatori della Città Eterna. Erroneamente si pensa che i Marsi fossero ben differenziati dai Sanniti. Non tutti, infatti Celano come altri popoli arroccati ed in contatto con i confini Sanniti erano una congiunzione che faceva proprio da  vero confine tra la Roma Eterna ed i popoli autonomi con una propria identità storica culturale.
Provate a far pronunciare i vocaboli or ora elencati a un non Celanese, sia esso di qualsiasi lingua Italo Meridionale; noterete subito la differenza: il timbro più oscuro della nostra “i” farà apparire più rude il nostro linguaggio, ma certamente meno mielato e più fiero.
La stessa fierezza ci è assicurata dalla nostra “u“, per la quale, come per la “i“, registriamo due timbri diversi: uno normale, velare, simile a quello della corrispondente “u” italiana (ed è quella di “mbùt” – Mùttij = imbuto) e un’altra più vicina alla “o“, quindi prevelare (per distinguerla, l’abbiamo trascritta col segno ““) come quella di “sbbt” =subito, “ttt” = tutto, “ltt” = lutto e di ogni “u” tonica, purchè non sia preceduta da una della seguenti consonanti: b – k – f – m- p- v– (le cosiddette occlusive od esplosive) oppure da vocale.
Di influsso OSCO inoltre è sicuramente la sonorizzazione di “s” in “z” quando è preceduta da “n”.

image006
Esempi: mànz mànz = mansueto, calmo calmo; anzjùs(e) per ansioso ecc.
Nelle iscrizioni OSCHE infatti leggiamo “kenzur” per il latino “censor”,”menzaru” per *mensarius, aggettivo costruito su “mensis” =mese;
Sono trascorsi ben 3.500 anni dall’arrivo degli Osci e le loro testimonianze sono dure a morire.
Quanti popoli invasori si sono avvicendati nelle nostre contrade! Quante lingue si sono sovrapposte al primigenio sostrato indoeuropeo! Eppure i colori dei suoni vocalici e tanti altri accidenti fonetici così cari al fiero popolo Celanese ancora sono espressione di un passato fiero ed autentico.

Nei tempi odierni, molti non si chiedono mai le motivazioni per cui paesi limitrofi parlino in maniera del tutto differente. Basta confrontare alcune frasi.

ita2

UNA POESIA DIALETTALE AVEZZANESE: – Ntunietta, chi te parla é Giuvannine, arrecchia poche a quele che te dice: de tanta brace, tutte é mó cenice, é tante fridde aventre ajie cammine‘Ne ciocche ce mettette de ‘ne pire e ce fionnette mmese ‘na fiammella; da principiese fice tutte nire, e ppò ardette che ‘na fiamma bella! Etc. etc. etc..

  • Ajie capefoche m’appoggie e penze a tì; je tempe passa e ì sò ‘ncanutíte! ‘Ntunietta, je cammine é je core tì e ì sò ‘ne porome ‘nfreddulite!
  • (notate le vocali finali pronunciate sempre o quasi sempre, e molte frasi che cominciano per “je”).

UNA POESIA DI COLLARMELE: –

LA SQUADR D JU C O LL
Finalment pur u Coll  tè na squadr d pallon, i nu pubbl-c ca n moll ogni sua esibizion.
LA DELUSION
Cj si dat n’ogn d sp-ranz, cj si fatt tuccà u ciel c nu dit; etc. etc.

UNA POESIA IN CERCHIESE –

I TRE PONTI

Aje tre ponte stace nu ruscelle nascoste tra le fratte i j’alberitte,
ce stave tante belle funtanelle i chiù luntane stace nu laghitte.

Tant’anne sò passate, ma cu poste, è sempre u stesse, n’ha cagnate nente,
fiure che renascene alle coste  i na frescura ‘nfaccia se resente. Etc. etc.

 

COME SI VEDE nei dialetti di CERCHIO e COLLARMELE come anche in Aielli, l’uso della “U” è costante come articolo e spesso anche come finale della parola. Inoltre a Cerchio “AJE” (al)  e “STAVE” – (stava) o “STACE” (sta’) sono abbastanza singolari.

osco_diffusione

Questi esempi di dialetti dell’area Marsica non riguardano Celano. Perché ?

Bhe, molti non si sono  fatti due conti. Io ho una mia tesi ed abbastanza supportata ma sempre in attesa di ulteriori conferme e cioè:

I territori della Marsica, hanno subito due eventi enormi di per sé disastrosi per quel che riguarda la cultura, gli usi locali, e la modifica della popolazione, contaminando quelli che erano  usi e costumi esistenti da migliaia di anni. Potrei benissimo dire ma lascio uno spiraglio a smentite, che alcuni usi, costumi, tradizioni e modi di parlare (quindi dialetto) originali sono proprio quelli usati ancora a Celano.

Lo so, sembro campanilista e forse lo sono e forse mi sbaglio ma a conti fatti tutto mi induce a pensare questo, seguite il mio ragionamento:

Celano all’inizio del 1800, era la cittadina più grande e popolosa della Marsica, man mano Avezzano si avvicinò ad essa e con il prosciugamento del Fucino  la superò con l’impiantazione in loco di intere popolazioni della Toscana ed in alcuni casi del nord Italia per la lavorazione delle terre emerse.

Da lì a poco, un’altra, questa volta terribile vicenda legata al terremoto, causa 30.000 vittime nella Marsica. Solo Avezzano ebbe l’80 % dei residenti morti sotto le  macerie 10.700 vittime su circa 13.000 abitanti. Altri centri quali Cerchio, Collarmele, Pesina, Gioia, Lecce etc. etc. ebbero anch’essi grosse percentuali di vittime rispetto agli abitanti. Come pensate che siano state rimpiazzate 30.000 e più persone nella marsica per la ricostruzione e per la lavorazione delle terre emerse?. Ebbene si, intere popolazioni questa volta anche dalla Puglia arrivano nel circondario e se da un lato arricchiscono con scambi culturali, economici, gli usi e costumi, dall’altro eliminano o quasi,  la realtà originale del popolo Marso.  E Celano come vive questi eventi?

 

Celano ha avuto in questi periodi all’incirca sempre 11.000 abitanti sia prima che dopo il prosciugamento del Lago Fucino. Il terremoto ha fatto circa 1600 vittime delle quali 1.000 a Paterno e  600 a Celano e come potete comprendere, nessuna sostituzione dato l’esiguo numero di persone, avrebbe potuto influenzare usi , costumi, tradizioni e dialetto di una Cittadina quasi intatta nel proprio tessuto sociale. Non è successo come in altri paesi (quasi tutti),  dove  quasi l’intera popolazione è  stato sostituita da nuclei familiari che nulla avevano  avuto da spartire con i Marsi.

Mi preme in ultimo dire che, secondo un mio personalissimo pensiero, il nome CELANO in dialetto debba essere scritto senza vocali tranne che per la “a” in mezzo al nome, e per evitare che possa pronunciarsi Clan, ossia come “un clan”,( termine di origine gaelica (clann) che significa letteralmente figli oppure famiglia, e identifica genericamente un’aggregazione di persone unite da gradi di parentela o di affinità, oppure di comunanza di interessi), debba essere incorporato in esso il trattino. Se la mia tesi è giusta, il trattino che nella lingua italiana è nato anche per dividere o unire, nel nome da pronunciare del nostro caso, crea quella giusta impronta vocale che più si avvicina al parlato, e cioè C-lan. Infatti la parola che nella “C” sembra voglia rimanere da sola, è unita dal trattino, consentendo di pronunciarla insieme, ma nello stesso tempo permette di pronunciarla senza cadere nel tranello di clan (clann). Infatti, penso che chiunque possa pronunciare c-lan, rimarcando la “C” terza lettera dell’alfabeto che và pronunciata fine a se stessa, ma non si fa rimanere sola unendola con il trattino “-”  alla restante “LAN”, ed avremo allora la possibilità di scrivere CELANO in dialetto per poterlo pronunciare, e cioe C-LAN, e non Clan, oppure Celane, oppure Celan etc. etc. etc.. Chiaro è, che la tesi migliore sarebbe quella di racchiudere la vocale non nominata tra parentesi e quindi potremmo avere cosa altrettanto logica C(e)lan.

A voi trarre le opportune considerazioni.

Giancarlo Sociali