Abbandono di rifiuti… Anche e soprattutto una questione morale e di senso civico.

Da quando i Comuni hanno iniziato a ritirare i rifiuti porta a porta ai cittadini in regola con le tasse, si sono moltiplicate le discariche abusive. Lecito è pensare che il registro delle utenze non sia completo.

Benissimo differenziare certo, a mio avviso però, ci sono grosse difficoltà che limitano l’efficacia e la riuscita del servizio.  Sono molte le amministrazioni che evidenziano i limiti di questa scelta, vuoi perché i loro stessi cittadini non sono pronti al comune senso civico, vuoi perché gli Enti non hanno sviluppato a regime un censimento della popolazione reale.

Viviamo in una società in cui molte famiglie sono monoparentali, o formate da coppie che lavorano in turni diversi, da anziani anche non autosufficienti, e spesso abusivi in alloggi non denunciati e senza i contenitori per differenziare.

Non siamo, soprattutto, predisposti ad accogliere un calendario programmato di bidoni e bidoncini di vari colori variegato nell’intera settimana, che restano disseminati tutti i giorni in tutto il territorio a disposizione di vandali, pioggia, neve, vento, cani randagi e quant’altro.

Pianerottoli ed appartamenti invasi dai bidoncini, se si tratta poi della raccolta dell’umido che deve permanere per qualche giorno, odori nauseabondi nei palazzi e nelle case.

Siamo disposti a lasciare in casa l’immondizia alcuni giorni perché al mattino partiamo per un week end e non è giorno di raccolta, quindi non possiamo esporla? Lo facciamo, ma non è corretto.

Vogliamo soprassedere al fatto che schiere di auto svuotano regolarmente montagne di rifiuti nei cassonetti, accessibili a tutti, nel paese vicino?

E’ sensato pagare di più il conferimento del rifiuto se io lo conferisco già stoccato e lavato?

E’ sensato che i cittadini onesti, continuino a pagare sempre di più per la raccolta dei rifiuti abbandonati, vanificando gli sforzi che fanno nel differenziare?

Qualche anno fa, la raccolta avveniva con i cassonetti e tutto sommato il sistema funzionava. Forse qualche percentuale in meno di differenziato, ma Fucino ed i monti erano incontaminati.

Abbiamo constatato che ovunque vi fossero i cassonetti dell’umido, del vetro, della plastica, i cittadini onesti e sensibili li utilizzano con regolarità.

Sono convinto però che, senza stravolgere nulla, con un impatto molto inferiore, si possa arrivare a collocare serie complete di cassonetti nella maggior parte della città. Nessuno è così insensibile da buttare tutto nell’indifferenziato, quando ad un metro ha le opportune alternative.

Un giusto equilibrio tra la qualità della vita e una coscienza ecologica mi sembra il più adatto in una realtà come la nostra.

Andare a testa bassa intestarditi in una crociata, come se la percentuale di «differenziato» fosse l’unico scopo, significa perdere in partenza, trascurando completamente che una buona fetta della nostra cara Italia ignora ancora l’uso stesso del cassonetto, esponendoci a un’immagine effettivamente di degrado. E poi arrivano i rifiuti da Roma che con un solo rione contribuisce a creare rifiuti paragonabili a quelli prodotti da tutta la Marsica.

Io sarei per una campagna che coinvolga tutti i cittadini di tutti i ceti sociali, chiaramente con a capo le scuole e tutte le forme di volontariato ed associazioni. Una campagna promossa dalle amministrazioni che portino da qui a cinque anni ad una soluzione del problema.

Non dimentichiamo inoltre, le tantissime le attività artigianali (carrozzieri, ditte edili, gommisti, asfaltisti,etc. etc.) cessate ufficialmente ma che operano abusivamente e che non possono smaltire regolarmente se non a Fucino! Beh, qui non lanciamo l’accusa solo a loro, ma a tutti quelli che usufruiscono dei loro servigi alimentando il mercato nero, l’evasione fiscale, e non per ultimo il deturpamento dell’ambiente.

E poi, se lo scopo della nostra esistenza vuol essere il risparmio di risorse, dovremmo forse essere meno ipocriti; rinunciamo anche all’illuminazione pubblica, rinunciamo anche all’automobile, al telefonino, alla televisione, alla pubblicità, ai parchi di divertimento, alla doccia giornaliera. Tutte comodità non necessarie. Ritorniamo a una società essenziale e avremo ottenuto risultati mille volte superiori.

Ecco spero che il buonsenso e una libertà di pensiero prevalga.

-Se nessuno affittasse le case a stranieri irregolari, (quindi senza aver messo a ruolo negli uffici comunali la propria casa con i relativi inquilini, e di conseguenza senza essere dotato degli appositi contenitori per la raccolta differenziata) ci sarebbe una diminuzione di questi tipi di rifiuti. 

-Se nessuno si recasse dai gommisti e carrozzieri irregolari per ottenere sconti, e quindi lavori a basso costo, oltre che a consentire una equità fiscale rispetto a quelli che pagano le tasse, contribuirebbe anche ad evitare che questi abusivi, non potendo avere registri di carico e scarico e quindi potersi affidare a ditte specializzate per lo smaltimento dei rifiuti speciali, li riversino sul territorio;

-Se nessuno si recasse da officine illegali non autorizzate, eviteremmo di vedere il nostro territorio pieno di scarti di oli, filtri e pezzi di metallo e di plastica;

-Se nessuno affidasse lavori edili a ditte non regolari, sempre per ottenere prezzi favorevoli a discapito di chi paga le tasse per tutti, forse contribuirebbe a creare una equità fiscale ed un mondo migliore sotto il profilo ambientale per le generazioni future;

-Se ognuno di noi denunciasse chi lavora abusivamente, chi sversa liquami nei corsi d’acqua, chi affitta case ad abusivi, chi assume lavoratori italiani o di altri paesi del mondo in condizioni di sfruttamento, forse aiuterebbe tutte quelle persone in divisa che non POSSONO arrestare da soli questo fenomeno riprovevole senza una riscoperta del SENSO CIVICO


Ecco aiutateci ed aiutiamoci.

Giancarlo Sociali

Annunci